Discover Castel di Ieri è online!

Castel di Ieri è un borgo situato nella Valle Subequana. Vieni a scoprire il suo territorio insieme alla sua storia che affonda le radici in un antico passato. Su questo sito verranno presentate le notizie e i principali luoghi del nostro borgo, inoltre sono presenti itinerari e altre attività offerte dalla Pro Loco "La Torre". Scopri di più visitando la pagina...

 


Potrebbe interessarti anche...

IL RITO DELLO STRASCIN - CARNEVALE 2023 A CASTEL DI IERI (AQ)

Ecco, finalmente giunto il periodo più atteso da tutti i bimbi e non: il Carnevale.Quest'anno siete tutti invitati a festeggiare assieme a noi a Castel di Ieri, presso la piazza principale, sabato 18 febbraio alle ore 16.00. Ma questa antica ricorrenza come viene festeggiata nel piccolo borgo di Castel di Ieri? Il dolce tipico della festa sono senza dubbio le immancabili "chiacchiere", diffuse in tutta Italia ma note con nomi diversi in base alla loro provenienza. Alle usanze del periodo carnascialesco, si affianca lo "strascin" che, senza dubbio, colpisce l'occhio di chi visita il paese durante il Carnevale. Questo gioco consiste nel trascinare (in dialetto "strascinare", da qui l'origine del nome) un mucchio di pentolame, facendo più rumore possibile. Fino agli anni '80, i bambini partivano dalla Torre Normanna con gli strascin, gareggiando tra loro a chi arrivava per primo all'arrivo, che poteva corrispondere alla piazza principale o al Fontanile Comunale. Oggi il gioco avviene attorno alla chiesa del paese, dove i bimbi, con le loro scatole di latta, attaccate tra loro tramite fil di ferro, gareggiano compiendo un determinato numero di giri. Chi finisce per primo questi giri, vince.Questo gesto panico e primordiale è legato ad origini per cui bisogna tornare indietro in un'epoca lontana, in cui il nostro piccolo borgo non era ancora tale e si trovava al centro di un prolifico crocevia di scambi commerciali. La vita qui era prevalentemente dedita all'agricoltura. Il gesto di trascinare rumorosamente degli utensili in metallo era tipico di alcuni riti propiziatori pagani, i quali avevano la funzione di risvegliare la natura, affinché i semi germinassero sotto la terra, con la speranza di ottenere un abbondante raccolto nei mesi successivi. Tra i vari rituali di origine pagana, c'era anche la scelta di un "re" del villaggio, il quale dettava legge durante tutta la durata del Carnevale. Ovviamente c'erano dei limiti che non andavano superati; se ciò accadeva, il re veniva esiliato alla fine dei festeggiamenti. Per esaltare i valori del cristianesimo, numerose festività pagane vennero inglobate nel Carnevale, in modo da creare una contrapposizione con il periodo di costrizioni della Quaresima.  Secondo il calendario romano (composto da 10 mesi), febbraio era l'ultimo mese dall'anno, motivo per cui, all'interno di questa festività, vennero fusi anche i riti di purificazione dell'anno vecchio e di propiziazione per quello nuovo; vennero associati al periodo carnascialesco i vari cerimoniali che andavano dai Saturnalia di dicembre (incentrati sull'abolizione delle gerarchie) ai Liberalia di marzo (legati alla fecondità); tra queste cerimonie dobbiamo nominare anche le Calende di gennaio, di cui era tipica una sfilata di uomini mascherati.   Chi avrà la possibilità di partecipare al Carnevale di Castel di Ieri potrà assistere a ciò che è stato tramandato di generazione in generazione e che, tutt'oggi, sopravvive attraverso lo spirito d'iniziativa dei nostri giovani che sono riusciti a rimodellare e adattare alla nostra modernità antichi rituali.  Mi raccomando, non mancate.   Proloco "La Torre" vi augura un Buon Carnevale! Leggi di più

CELEBRAZIONI IN ONORE DI SANT'ANTONIO ABATE A CASTEL DI IERI (AQ)

Dopo ben tre anni, Proloco la Torre è lieta di annunciare il ritorno delle celebrazioni in onore di Sant'Antonio Abate.Domenica 15 gennaio, alle ore 18.00, il nostro parroco, Padre Rubens, invita tutti a partecipare alla benedizione del pane e degli animali presso la chiesa parrocchiale di Castel di Ieri. Seguirà un piccolo conviviale a base di salsicce e vin brûlé. La festa di Sant'Antonio Abate, conosciuto anche come "Sant'Antonio di gennaio", è una tradizione molto antica che risale al III secolo d.C.A Castel di Ieri, i cerimoniali in suo onore comprendono, non solo, la benedizione già citata sopra, ma anche una piccola processione che avveniva alla vigilia del 17 gennaio. Guidata da due giovani che impersonano Sant'Antonio ed il Demonio, la processione si svolgeva tra le vie del paese, bussando casa per casa, intonando canti popolari come "Sant'Antonio di gennaio" o la "Bussata di Sant'Antonio".I canti, tramandati di generazione in generazione, descrivevano principalmente la figura del santo e delle sue peripezie nel deserto per sfuggire alle tentazioni del demonio. Tra questi ve n'è uno, di recente origine, scritto e composto da Mauro Coletta:la Bussata di Sant'Antonio.La "Bussata", ad eccezione delle prime due strofe e dell'ultima finale, non viene cantata tutta.Questa canzone, scritta nel dialetto locale, è stata creata appositamente per i casteldieresi, infatti, a ciascuna famiglia si adatta una strofa, motivo per cui vengono scelte in base alla casa a cui si bussa (da qui il titolo).Dopo l'intonazione del canto, di solito, la famiglia fa un'offerta; in un'epoca ormai non più troppo recente, le offerte, anziché in denaro, consistevano in salsicce, sanguinaccio, ranati e sorbe secche (ma di questi parleremo in un altro articolo). LA BUSSATA DE SANDE ANDONIE Na bussata se sende a ssa portastete attende stete accort,Sand. Andonie we we a truaieche na sporta da raccundaje  Bbona sera gende amicaSand Andonie we benedicaquesta sera e Sand. Andoniecane i jatta conta je demonie  S. An. Cundadines'auza presta igni manteinai demonie l'a appuratla lumetta si a frecat I de corsa se ne scappama se ngiambeca alla zappaS. An. Che nna mazzaCe le mena pe tutta la razza  S.An. musecandewa sunenne che le bbandi demonie qui berbeunj'annasconna i trumbeun  Natra wota se la squajjas'annasconne arrete alla pajjaS. An: scein sceini fa rusce che jje cendrein  S. An. wa a Spontorca se send nu nolori demonie de mestierse rewesta da mbermier  S. An. ne reposate na tuscetta da silicosaqui demonie delinguendo nu presutt o nen ze ne fa nend  S. An. cunzejjerese le sende a Castel di leri demonie mojje i fijjenen paga tassa de famijje  I angora ce la fattase ne passa quatta quattaS.An. più singereJ'a mannat i brecattier  S. An. penziunatalla posta se fermati demonie arrete arreti si pijja la muneta  Qui berband zitt zittce se po' pacà j'affittS. An. mo se scocciai s'attenda la saccoccia  S. An. wa a wutajealla croce sta a segnaje  I demonie comunistamo se misse capilistaS.An. pe lla passionese wa a ffa la confessione  S.An. fa i scarparogni botta ne nnu pari demonie pede piettequel chiochje ede le jette  S.An nen ge capiscesatanass ne la feniscei nna bbona subbelataajje core ce la mbelata  Se pejjeit na bella pegaS.An. ne we repregape tajja ssu presuttijjenen ge wole nu cunzijje  Se aprite al Gran Santopace i benne a tutte quandma se nenze facet ndràporche i wein se pozza wastà (Mauro Coletta) Leggi di più

AVVISO BANDO SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE | COMUNE DI CASTEL DI IERI

Pro Loco "la Torre" annuncia che anche quest'anno siamo risultati vincitori del bando per il Servizio Civile Universale. Tra le domande che verranno inoltrate, saranno selezionati 2 volontari che lavorerranno presso la nostra sede. Potrete trovarele schede sintetiche con tutti i progetti sul sito del CSV Abruzzo:Bando di Servizio Civile Universale 2021. I progetti del CSV Abruzzo – CSV ABRUZZOProgramma: L'imprevedibile viaggio in AbruzzoProgetto: a Passo Lento. Le domande di partecipazione dovranno essere presentate entro (e non oltre) le ore 14:00 del 10 febbraio 2023 tramite apposita piattaforma DOL.La presentazione delle domande va effettuata accedendo con SPID al seguente link: Servizio Civile - Domande Online - Domanda On LinePer info non esitate a contattarci.contatto telefonico: +39 350 5949184e-mail: prolocolatorre@gmail.com Leggi di più

NOTTE NERA VII EDIZIONE

NOTTE NERA A CASTEL DI IERI VII EDIZIONE - Sabato 29 Ottobre. Anche quest'anno siamo lieti di annunciarvi il ritorno della Notte Nera per la sua Settima edizione. Il nostro Castel di Ieri (AQ) offrirà non solo scenari da brivido ma anche la possibilità di visitare luoghi ricchi di storia e cultura; sarà aperto, assieme al Sito Archeologico e alla Torre Normanna, l'eremo della Madonna di Pietrabona, antico sito pagano dal retrogusto gotico dove l'atmosfera che si respira è a metà tra misticismo e magia. Qui di seguito il programma: 14:30 Passeggiata "I doni dell'Autunno/Trekking Urbano" con Daniela Di Bartolo a cura Officine Sperimentali - ritrovo in piazza 15:30 Trekking urbano "Per le vie del borgo" - ritrovo in piazza 16:30 Intrattenimento per bambini "Un tuffo nel Passato" 18:30 Combattimenti Medievali - a cura dei Cavalieri del Falcone 20:00 Trekking urbano "Per le vie del borgo" - ritrovo al belverde 21:30 Concerto live con i RATABLO' - presso l'ex chiesa Santa Croce Vi aspettiamo presso il Centro Storico con Castagne, Panini con Porchetta, Pizza al Forno a Legna, Vino e Vin brulè   Orari siti aperti a visite: 11:00-13:00 Eremo Madonna di Pietrabona, Tempio Italico, Torre Medievale 16:30 Torre Medievale Leggi di più